Un progetto che si collegherà alla rete delle piste ciclabili e delle ciclagili

Brescia, 16 settembre 2021 - Un progetto che unisce idealmente suolo e sottosuolo, acqua e terra: A2A Ciclo Idrico ha ideato “La ciclabile dell’acqua. Dalla fonte al fiume”, un progetto finalizzato a promuovere maggiore conoscenza e consapevolezza nei confronti di una risorsa preziosa qual è l’acqua.

Il progetto riveste una duplice valenza - ambientale e culturale - e si presenta strutturato in dieci tappe che si dipaneranno lungo la città e che si connetteranno via via con la rete delle piste ciclabili e delle ciclagili, le nuove corsie ciclabili previste dal riformato Codice della Strada.

Il percorso verrà puntualmente definito e sviluppato nei prossimi mesi in collaborazione con gli Assessorati all’Ambiente e alla Mobilità del Comune di Brescia e attraverso il coinvolgimento del variegato mondo dell’associazionismo degli appassionati delle due ruote, nonché dell’O sservatorio Acqua Bene Comune.

L’obiettivo, grazie ad un’attività salutare quale l’andare in bicicletta, è innanzitutto quello di fornire alcuni elementi utili di conoscenza sul Servizio Idrico Integrato - acquedotto, fognatura e depurazione - e alcune informazioni chiare e semplici, non sempre note a tutti, oltre a qualche consiglio per migliorare la sostenibilità del servizio riducendo i consumi e scaricando correttamente nelle fognature.

Non è troppo diffusa, infatti, la conoscenza su quanto accade a monte del rubinetto, di quali siano le diverse attività che consentono ogni giorno e ad ogni ora di avere a disposizione acqua potabile; e ugualmente su quanto succede successivamente allo scarico di lavandini, docce, lavatrici...,  come vengono convogliate le acque sporche agli impianti di depurazione e come vengono trattate per renderle compatibili alla loro  reimmissione nell’ambiente naturale, con le caratteristiche il più possibile simili a quelle che avevano al momento del prelievo dall’a mbiente naturale stesso…

Con il progetto “La ciclabile dell’acqua. Dalla fonte al fiume” si vogliono così coniugare due aspetti legati al benessere e alla qualità della vita, ovvero l’elemento acqua come risorsa di pregio da tutelare, e la mobilità, a piedi o in bicicletta, che è attività fondamentale per la salute personale e collettiva.

L’ipotesi iniziale del progetto prevede un percorso che si affianchi e accompagni le piste ciclabili e ciclagili, in parte già esistenti, partendo dalla fonte di Mompiano a nord della città per arrivare al depuratore di Verziano nella zona sud, ove le acque utilizzate dai cittadini di Brescia e da quelli di altri 7 Comuni dell’hinterland vengono depurate e restituite al vaso Fiume per poi giungere al Garzetta delle Fornaci.

Il percorso toccherà alcuni punti che rappresentano le parti che compongono l’infrastruttura che garantisce agli utenti il Servizio idrico Integrato.

Dieci, come detto, le stazioni individuate, per un totale di circa 20 km:


1° La fonte di Mompiano
2° Il distretto - viale Europa-via Sacconaghi
3° Il serbatoio Montagnola - Pusterla
4° Le fontanelle pubbliche del Centro storico
5° Le case dell’acqua - es. Parco dell’Acqua
6° I pozzi - es. Quartiere Leonessa
7° Gli impianti di trattamento - es. via Cremona
8° La control room in via della Ziziola
9° La rete fognaria - es. via Noce
10° Il depuratore di Verziano

In tutte le stazioni verrà affrontato il tema della sostenibilità dell’uso della risorsa idrica, fornendo consigli per il risparmio e il corretto utilizzo.

In ogni stazione sarà possibile, inquadrando con il proprio cellulare un QR Code, avere notizie tecniche e storiche sull’impianto, conoscerne la funzione e l’importanza all’interno del ciclo, accedere a materiali fotografici e video che spiegano come è fatto (ad es. videoispezione di un pozzo o di un tratto di rete fognaria): tali contenuti potranno essere aggiornati ed integrati nel tempo.

Infine, il progetto prevede anche l’abbinamento al percorso di un gioco con domande legate ai temi dell’acqua, il cui punteggio traccerà il livello di attenzione alla sostenibilità per ciascun partecipante.

Ultime comunicazioni